ROMA: BARBERA (PRC-FDS), ANCHE IL LICEO TASSO IN OCCUPAZIONE

Pubblicato: 15 novembre 2012 in Uncategorized
Tag:, , , , , , , , , , , ,

(AGENPARL) – Roma, 15 nov – “Da questa mattina anche il Liceo Tasso è in occupazione. Gli studenti, dopo una affollata assemblea e una votazione, hanno deciso di occupare la loro scuola per la difesa del diritto all’istruzione e contro le politiche del governo Monti. Si sono registrati alcuni problemi con la preside e il vicepreside del Liceo che hanno provato ad impedire tale occupazione, minacciando gli studenti di chiamare la polizia, che sarebbe arrivata, infatti, poco dopo, ma senza intervenire. Sono volate anche parole grosse nei confronti degli studenti, minacciati di rischiare la bocciatura e la denuncia penale”. E’ quanto dichiara Giovanni Barbera, esponente romano del Prc-Fds e presidente del Consiglio del Municipio Roma XVII.

“Un fatto grave – continua Barbera – che è stato fortemente contestato anche da alcuni genitori presenti, i quali, aprendo un varco tra i bidelli, hanno permesso agli studenti rimasti fuori dalla scuola, a cui veniva impedito l’accesso ai locali del Liceo, di raggiungere gli occupanti. Esprimiamo la nostra solidarietà agli studenti e sosteniamo le loro sacrosante lotte per la difesa della scuola pubblica, oggi messa fortemente a rischio dalle politiche del governo. Proprio per questo motivo ho raggiunto gli studenti al liceo Tasso, portando la mia personale solidarietà e quella del mio partito, anche per le violenze perpetrate ieri dalle forze dell’ordine nei confronti degli studenti”.

Annunci
commenti
  1. fariza ha detto:

    la situazione al Tasso è molto diversa da quanto dice! la maggior parte degli studenti era più interessata ad un autogestione come concessa dallo staff del Tasso. La lotta è sacrosante ma anche il diritto allo studio!! Sono stata a tutte le manifestazioni x sostenere la lotta dei ragazzi e docenti x il diritto allo studio e alla dignità x chi lavora a scuola, ma non credo che dare i locali di un liceo dove sono stati finiti i lavori possa essere una soluzione. La democrazia è anche questo: rispettare i luoghi pubblici.

    • giovanni barbera ha detto:

      Gli studenti che hanno occupato dichiarano che la maggioranza dei partecipanti all’assemblea degli studenti ha votato per l’occupazione. Ad ogni modo l’occupazione è una forma di protesta radicale che serve proprio per difendere il ruolo della scuola pubblica e il diritto allo studio!

    • giovanni barbera ha detto:

      Cara signora docente, Le confermo che c’è stata una regolare assemblea, nella quale la stragrande maggioranza dei partecipanti ha votato per l’occupazione che rappresenta una forma di protesta contro le vergognose politiche di questo governo sostenuto da PD, PDL, UDC e altri. Un governo che, continuando il lavoro di Berlusconi, sta cancellando diritti tutelati dalla nostra Carta Costituzionale, come quello all’istruzione, e sta impoverendo il nostro Paese a vantaggio di quelle oligarchie finanziarie che controllano i mercati. A Roma ci sono, in questo momenti, almeno 50 occupazioni di scuole. Mi dispiace, ma la scuola pubblica si difende anche queste forme di lotta, le piaccia o non le piaccia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...