Archivio per 20 novembre 2012

(AGENPARL) – Roma, 20 nov – “Dopo la mobilitazione dei cittadini guidata dai partiti del centrosinistra e dai sindacati Fials e Cgil, la direzione generale dell’Asl RmE ha iniziato, clamorosamente, a far marcia indietro anche sul versante del piano di ricollocazione dei servizi ambulatoriali attualmente erogati presso la struttura di Via San Tommaso D’Aquino, che chiuderà i suoi battenti entro la fine dell’anno. Finora i vertici della suddetta Asl si erano fermamente opposti ad utilizzare i locali vuoti dell’ospedale Oftalmico per il trasferimento dei (altro…)

Annunci

(AGENPARL) – Roma, 20 nov – “Dopo la mobilitazione dei cittadini guidata dai partiti del centrosinistra e dai sindacati Fials e Cgil, la direzione generale dell’Asl RmE ha iniziato, clamorosamente, a far marcia indietro anche sul versante del piano di ricollocazione dei servizi ambulatoriali attualmente erogati presso la struttura di Via San Tommaso D’Aquino, che chiuderà i suoi battenti entro la fine dell’anno. Finora i vertici della suddetta Asl si erano fermamente opposti ad utilizzare i locali vuoti dell’ospedale Oftalmico per il trasferimento dei (altro…)

(RomaRegione) Roma- 19 novembre 2012-“E’ intollerabile che le 1.800 persone, di cui 1.500 dipendenti del gruppo IDI e 300 lavoratori dell’indotto, senza stipendio dal mese di agosto, siano state gettate sul lastrico,  con le relative famiglie, da una dissennata gestione del Gruppo societario che ha prodotto circa 300 milioni di debiti. Il tutto mentre i vertici della Congregazione dei Figli dell’Immacolata Concezione, responsabili del dissesto finanziario del gruppo (altro…)

(RomaRegione) Roma- 19 novembre 2012-“E’ intollerabile che le 1.800 persone, di cui 1.500 dipendenti del gruppo IDI e 300 lavoratori dell’indotto, senza stipendio dal mese di agosto, siano state gettate sul lastrico,  con le relative famiglie, da una dissennata gestione del Gruppo societario che ha prodotto circa 300 milioni di debiti. Il tutto mentre i vertici della Congregazione dei Figli dell’Immacolata Concezione, responsabili del dissesto finanziario del gruppo (altro…)