Bondi, Commissario  Sanità della Regione Lazio(AGENPARL) – Roma, 05 dic – “Siamo alla follia. Quello che sta succedendo nel settore della sanità non ha più nessuna logica se non quella della tutela degli interessi di pochi a discapito dell’interesse pubblico e del diritto alla salute dei cittadini . Si minaccia la chiusura di ospedali pubblici come l’Oftalmico e il San Filippo Neri, strutture storiche della città di Roma, ma si mantengono aperti alcuni reparti “finti” del polo ospedaliero dell’Asl Rme E, come quello maxillo-facciale. Tale reparto, collocato in una struttura privata convenzionata, come quella di Villa Betania, con costi esorbitanti per le casse pubbliche, è stato riaperto poche settimane fa senza avere neanche l’organico e le attrezzature necessarie richieste per un reparto simile. Una riapertura molto anomala e contestata, visto che a Roma esistono strutture simili, molto meglio organizzate e attrezzate e visto che per tale motivo, due anni fa, era stato deciso di utilizzare le risorse umane e finanziarie di tale reparto per altri servizi sanitari. C’è chi, all’interno della stessa azienda sanitaria, denuncia che nel suddetto reparto si opererebbero anche ricoveri impropri, forse per giustificarne l’esistenza. Non sarebbe male che qualcuno facesse chiarezza su tali denunce per eliminare eventuali sprechi e inefficienze, prima di chiudere poliambulatori e ospedali pubblici”. Lo dichiara Giovanni Barbera, membro del comitato politico romano del Prc-Fds e presidente del Consiglio del Municipio Roma XVII.

Articoli correlati:

IL CORRIERE DELLA SERA.it – Ricoveri gonfiati  nel reparto di cui la Regione…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...