ROMA, BARBERA (FDS): NESSUNA RISPOSTA SU CASO RICOVERI GONFIATI

Pubblicato: 27 dicembre 2012 in Uncategorized
Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Bondi e Monti(AIS) Roma, 27 dic 2012 – “Continuano a far discutere le scelte del commissario alla sanità Enrico Bondi. Si vorrebbero tagliare reparti che rappresentano, sulla base dei dati oggettivi, strutture di eccellenza della sanità pubblica regionale e non si interviene su situazioni segnalate come abnormi che coinvolgono, guarda caso, anche gli interessi di alcune strutture private convenzionate”. Lo afferma Giovanni Barbera, membro del comitato politico romano del Prc-Fds e presidente del Consiglio del Municipio Roma XVII.

“E’ proprio di pochi giorni fa – continua Barbera  – la riconferma da parte dell’Asl Rm E del suo reparto chirurgico maxillo-facciale, collocato all’interno della struttura privata convenzionata  di Villa Betania, al centro delle polemiche dieci giorni fa per la pesante denuncia di ricoveri “gonfiati”, riportata da un articolo de ‘Il Corriere della Sera.it’. L’articolo, riprendendo la testimonianza anonima di un lavoratore interno al reparto stesso, segnalava, infatti, il ricorso a ricoveri impropri per  giustificare l’anomala riapertura  di un reparto già chiuso in precedenza, vista la presenza a Roma di strutture molto più efficienti e meglio attrezzate  e organizzate. In quell’articolo, si citavano situazioni veramente abnormi, come i ricoveri  per semplici estrazioni di denti del giudizio o per casi molto simili che avrebbero dovuto  essere risolti in day hospital. Viste le denunce molto precise e facilmente verificabili sulla base della documentazione esistente, ci saremmo aspettati almeno una risposta da parte della direzione generale dell’Asl Rm E o del commissario Bondi chiamati in causa, direttamente o indirettamente, da quelle pesanti accuse. Invece nulla, si è deciso di ignorare quelle segnalazioni e riconfermare l’esistenza del reparto”.

“A questo punto – conclude Barbera – ci chiediamo quali siano i  criteri  che stanno guidando le scelte del commissario Bondi e per quale motivo tali scelte non avvengano  sulla base dei dati oggettivi, facilmente verificabili, a meno che  il reale obiettivo di tutta questa operazione sulla sanità regionale non sia, come andiamo sostenendo da tempo, l’eliminazione delle inefficienze e degli sprechi,  ma sia semplicemente l’ulteriore  smantellamento della sanità pubblica”.

Annunci
commenti
  1. giovanni avveduto ha detto:

    Ma lei è proprio sicuro che in quel reparto succedano le cose che sta descrivendo? Non è che magari si curano ragazzi e ragazze per dei problemi molto più gravi dell’estrazione del dente del giudizio? Ha visto con i suoi occhi, ha sentito con le sue orecchie? E soprattutto ha mai conosciuto il prof. Scopelliti? Ha parlato con lui? Conosce il suo vissuto? La prego di informarsi bene e poi, ma solo se ne è veramente convinto, continui pure. Cordialmente, un papà!

    • giovanni barbera ha detto:

      Le informazioni che sono state riportate negli articoli pubblicati non provengono dal sottoscritto, ma da alcuni operatori che lavorano nel reparto interessato, come è stato specificato anche sull’articolo del Corriere.it che si è occupato dell’argomento, verificando fonti e notizie, come si fa in questi casi.

      Visto che esistono altri reparti ospedalieri simili, sicuramente più organizzati e meglio attrezzati di quello dell’Asl Rm E, forse sarebbe più opportuno potenziare quelli e liberare risorse da poter impiegare in altre strutture sanitarie. Non credo che il prof. Scopelliti non possa utilmente operare, anche con soddisfazione dei suoi stessi pazienti, presso altri reparti simili a Roma. Tenga conto che questa valutazione sull’organizzazione interna all’Asl Rm E non è personale, ma viene condivisa anche da diversi dirigenti, operatori sanitari e rappresentanti sindacali. Non è un caso che sulla riapertura di questo reparto ci siano stati molti contrasti, anche tra la stessa dirigenza dell’Asl Rm E.

      Ad ogni modo, se qualcuno ritiene che le notizie riportate siano infondate, può sempre dimostrarlo con dati alla mano. Noi siamo pronti anche a dare spazio su questo blog di discussione e approfondimento, purché ciò avvenga in maniera “utile” al dibattito e soprattutto in maniera “civile”, come il suo intervento. Infatti, la ringrazio vivamente per avermi dato la possibilità di chiarire il mio pensiero sull’argomento. Interventi “fuori dalle righe” o “attestati di fede” o addirittura comunicati di altri partiti politici (sic!) non troveranno, invece, spazio su questo blog, con buona pace degli autori.

      L’unica cosa che ci preme è la tutela dell’interesse pubblico e nient’altro. Noi siamo contro i vergognosi tagli che si stanno perpetrando ai danni della sanità pubblica, che colpiscono il diritto alla salute dei nostri cittadini e, in particolare, di quello dei meno abbienti, ma non possiamo neanche chiudere gli occhi su sprechi e inefficienze che spesso caratterizzano anche questo settore. Sul blog troverà anche altri miei interventi, alcune volte ripresi anche dai media, che denunciano situazioni paradossali che coinvolgono la sanità e l’Asl Rm E.

      • giovanni avveduto ha detto:

        Buongiorno sig. Barbera, la ringrazio per avermi chiarito la sua posizione. Come avrà capito io vivo in prov. di Ragusa e sono uno dei tanti che, a partire dal 1991, faceva i cosidetti viaggi della speranza. Ho avuto rapporti (eufemismo per dire che sono stato vessato) con professori di fama a Bologna, Pisa, Vicenza, padova (conoscerà senz’altro la clinica Morgagni) e sono in condizione di dimostrare che tutti quelli che hanno avuto in cura mio figlio sono stati incompetenti (a Bologna e Pisa) e vigliacchi, approfittatori e venali ( Vicenza e Padova). Si figuri che a Padova (per la modica cifra dell’epoca di circa 30 milioni di lire) fu eseguito intervento per rimozione di fistole (che ho scoperto in questi giorni non sono fistole). Premesso questo, mi chiedo come possa un professore che non chiede soldi (ed io posso dimostrarlo) che offre invece cordialità, professionalità e, dote oramai estinta, umanità, essere parte integrante di quelle porcherie di cui lei parla. Penso che basterebbe dare voce sul suo blog al professore Scopelliti, per un confronto sereno ed educato. Per la cronaca mio figlio studia a Roma

      • giovanni barbera ha detto:

        Caro sig. Avveduto, gli articoli pubblicati si riferiscono al funzionamento e all’utilità del reparto maxillo-facciale dell’Asl Rm E, sulla base di dichiarazioni fornite dal alcuni operatori dello stesso reparto. Nessuno ha espresso giudizi sui comportamenti professionali o meno dei singoli che operano all’interno della suddetta struttura. Come ho avuto modo di chiarire sul blog, non verranno pubblicati interventi di coloro che hanno difficoltà a mantenere un atteggiamento “civile” o che rappresentano un semplice “atto di fede” nei confronti di qualcuno, senza nessun contributo utile alla discussione. Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...