Archivio per la categoria ‘BENI COMUNI’

10MAGGIO

Annunci

Difendere la Farmacap(AGENPARL) – Roma, 06 feb – “Su Farmacap, siamo alle solite. Pensare di risolvere i problemi di questa azienda comunale con la privatizzazione, anche parziale, sarebbe un errore madornale sia per l’amministrazione comunale che per la cittadinzanza. Bene, pertanto, la presa di posizione del gruppo consiliare del Pd contro tale possibilità, anche se non basta. Aspettiamo una presa di posizione netta e chiara anche dalla Giunta Marino. Le chiacchiere stanno a zero ed è evidente che c’è chi continua a giocare allo sfascio. Non si capisce, altrimenti, per quale motivo non si lavori per un serio rilancio dall’azienda, valorizzando le risorse interne e tagliando consulenze e sprechi denunciati dalle organizzazioni sindacali”. (altro…)

Acqua pubblica(OMNIROMA) Roma, 08 NOV – «Non siamo più in campagna elettorale, ora bisogna dare risposte concrete alla città. Cosa farà, ad esempio, l’amministrazione Marino sul rinnovo della concessione riguardante la gestione delle sorgenti di Peschiera-Capore? Sarebbe gravissimo che la nuova amministrazione ignorasse l’esito del referendum del 2011 e rinnovasse la concessione di tali sorgenti ad Acea. Quel referendum, piaccia o non piaccia, ha formalmente sancito che l’acqua è un bene comune che non può essere assoggettato a logiche di mercato e l’amministrazione comunale ha il dovere di rispettarlo fino in fondo. (altro…)

caserma mediciRoma, 3 nov 2013 – “Sosteniamo con convinzione la petizione popolare on-line lanciata dal Comitato Cittadino per l’Uso Pubblico Delle Caserme per chiedere che la Caserma “Medici” di via Sforza, dietro a via Cavour, venga trasformata in studentato.Tale scelta permetterebbe di sottrarre tale immobile alla speculazione e di contribuire a ridurre la carenza di alloggi per gli studenti fuori-sede. Carenza che rappresenta una palese violazione del diritto allo studio sancito dalla Costituzione. Rammentiamo che tale caserma  fa parte di quelle 15  strutture militari della città che sono state oggetto di dismissione da parte del ministero della Difesa e che verranno interessate da progetti di trasformazione da parte dell’amministrazione comunale, sulla base di un protocollo d’intesa firmato nella scorsa legislatura. (altro…)

Fori imperialiRoma, 13 agosto 2013  – Ancora polemiche sul progetto di pedonalizzazione dei Fori imperiali, in particolare sulle ultime dichiarazioni del sindaco Marino rilasciate all’Huffington Post: “Alla fine via dei Fori imperiali scomparirà. Immagino che ne rimarrà solo una parte, una sezione centrale, magari per biciclette e pedoni, magari per un tram… magari terremo le mappe dell’Impero. Questo risultato finale lo vedremo. Senza volerle sembrare un folle, mi immagino un’unica area che unisca i Fori Traiani ai Fori Imperiali…”

Insomma,  l’obiettivo della nuova Giunta è quello di creare il Parco archeologico più grande del mondo. ”tra 25 o 30 anni – continua il sindaco Marino – grazie a questi scavi ci sarà al centro di Roma una situazione urbanistica completamente nuova”. ”Non c’è nulla di antifascista in questa decisione” ma ”penso che porteremo il doppio di turisti”. (altro…)

berlusconi fa il saluto militareRoma, 5 agosto 2013 – Il Comune di Roma, tramite il suo ufficio stampa, ha reso noto che in seguito all’accertamento del danneggiamento del suolo pubblico, la polizia municipale ha proceduto a dare notizia di reato alla procura della Repubblica, sulla base dell’articolo 635 del codice penale, nei confronti degli organizzatori della “marcetta su Roma”  organizzata, in via del Plebiscito, dal Pdl per protestare contro la condanna per frode fiscale di  Silvio Berlusconi.

Tale denuncia  arriva dopo le polemiche sollevate per il palco abusivo utilizzato  durante la manifestazione e per la rimozione di alcuni pali della segnaletica che erano stati considerati di intralcio alla manifestazione dagli organizzatori, come documentato dal  servizio fotografico pubblicato sul sito web de  “La Repubblica”. (altro…)

Paese SeraRoma, 31 luglio 2013 – “Anche noi ci uniamo al coro di coloro che in queste ore stanno esprimendo la loro solidarietà e vicinanza ai giornalisti e ai lavoratori del quotidiano Paese Sera, impegnati in una complicata vertenza con la proprietà della loro testata giornalistica per difendere i loro diritti e la loro dignità professionale e la possibilità che il giornale continui a svolgere la sua preziosa attività di informazione. E’ veramente sconfortante pensare che anche un giornale come Paese Sera, che ha avuto il merito in questi due anni di proficua attività, di provare a raccontare, in modo originale e “fuori dal coro”, la vita sociale, culturale, economica e politica della Capitale, rischi di rimanere “soffocato” dalla crisi che sta attraversando il mondo dell’informazione libera e indipendente. (altro…)