Posts contrassegnato dai tag ‘il corriere della sera’

Foiba di BassovizzaRoma, mer 21 agosto“Dispiace dover replicare alla giornalista del Corriere della Sera, Maria Teresa Meli, che oggi in un editoriale pubblicato sul suddetto quotidiano, riprende in maniera alquanto impropria la spinosa questione delle foibe per dare lezioni di storia ai suoi lettori, su argomenti che probabilmente andrebbero affrontati con ben altro approccio rispetto a quello di una certa vulgata, spacciata per Storia, che da tempo va tanto di moda nel nostro Paese.

Ci permettiamo di rammentarle che in quei buchi verso “l’inferno”, chiamati appunto foibe, non ci finirono solo italiani, molti dei quali anche complici del regime fascista e dei nazisti, ma anche tanti e troppi cittadini slavi che da sempre abitavano quei territori, vivendoci in pace e prosperità per secoli, con altri popoli, tra cui la minoranza italiana”. È quanto dichiara Giovanni Barbera, membro del comitato politico romano del Prc (altro…)

Annunci

iniziativa sulle foibeRoma, 17 agosto 2013 – Ancora polemiche a Roma sulla questione foibe. Questa volta  a scatenare le polemiche del centrodestra è stata una dichiarazione del vice sindaco Luigi Nieri al Corriere,  sui viaggi della memoria con le scuole organizzati in passato anche presso le foibe. “Roma è medaglia d’oro della Resistenza, ha subito il fascismo e il nazismo, la deportazione del ghetto. E quella la nostra memoria. Altre città ricorderanno le foibe”, ha affermato  il vicesindaco.

Dichiarazione che ha scatenato le reazioni di diversi esponenti del centrodestra. Sulla questione sono intervenuti anche Storace,  Alemanno e Rampelli.  Una ridda di dichiarazioni  contro Nieri, accusato di rigurgiti filo-titini,  per chiederne le dimissioni e le scuse o per chiedere direttamente al sindaco Marino il ritiro della sua delega da vicesindaco. Non è bastata neanche la replica di Nieri, finalizzata a minimizzare la questione,  a stemperare le polemiche e i toni, (altro…)

Lapide Impastato(OMNIROMA) Roma, 07 MAG – «Non sappiamo se sia più grave il fatto che sia stata imbrattata, con scritte e simboli fascisti, la lapide a Tivoli dedicata a Peppino Impastato, il giornalista ucciso dalla mafia il 9 maggio 1978, o il silenzio che è stranamente calato, come una mannaia, su tale vergognoso episodio. A parte il Corriere della Sera online non ne ha parlato nessuno. Le prese di posizione di esponenti politici e di rappresentanti istituzionali si contano sulle punta delle dita. Il fatto è tanto più grave perché avviene a pochi giorni dall’anniversario della morte. Per fortuna molti cittadini con una lodevole iniziativa costruita dal basso, constatata l’assenza di iniziativa da parte delle istituzioni pubbliche, non solo locali, si sono già dati appuntamento per la ripulire la lapide dalle scritte oltraggiose. (altro…)

giornata-shoah_0Roma, 26 gen 2013 – “Per alcune ore,  il sito web  della cronaca romana de “Il Corriere della Sera”, aveva lanciato la clamorosa notizia dell’esclusione, per gravi irregolarità riscontrate nelle firme presentate, della lista di CasaPound alle prossime elezioni politiche. Notizia smentita dagli interessati e successivamente rettificata anche dal noto quotidiano. L’unica cosa che sappiamo finora, dai dispacci di agenzia  pubblicati  in queste ore e dal suddetto quotidiano, è che  l’Ufficio elettorale della Corte d’Appello starebbe valutando la documentazione presentata dai “fascisti del nuovo millennio”, in quanto sarebbero state comunque riscontrate “anomalie” in alcuni certificati elettorali riguardanti i sottoscrittori della suddetta lista. (altro…)

giornata-shoah_0Roma, 26 gen 2013 – “Per alcune ore,  il sito web  della cronaca romana de “Il Corriere della Sera”, aveva lanciato la clamorosa notizia dell’esclusione, per gravi irregolarità riscontrate nelle firme presentate, della lista di CasaPound alle prossime elezioni politiche. Notizia smentita dagli interessati e successivamente rettificata anche dal noto quotidiano. L’unica cosa che sappiamo finora, dai dispacci di agenzia  pubblicati  in queste ore e dal suddetto quotidiano, è che  l’Ufficio elettorale della Corte d’Appello starebbe valutando la documentazione presentata dai “fascisti del nuovo millennio”, in quanto sarebbero state comunque riscontrate “anomalie” in alcuni certificati elettorali riguardanti i sottoscrittori della suddetta lista. (altro…)