Posts contrassegnato dai tag ‘mercati finanziari’

debito pubblicoRoma, 4 nov 2013 – L’Italia pagherà 84 miliardi di euro di interessi passivi per l’anno 2013. Lo ha dichiarato la responsabile del Tesoro per la gestione del debito pubblico, Maria Cannata, nel corso di un intervista radiofonica al GR1 Rai.

Una cifra che, nonostante la riduzione dello spread, rimane ancora molto elevata, e peserà come un macigno sull’economia italiana.

Ben pochi sanno che la crescita del nostro debito pubblico non è stata  determinata dalla spesa statale – come certa vulgata  vorrebbe accreditare nell’opinione pubblica – ma  dagli oneri che lo Stato paga per tale debito. Infatti, la spesa pubblica, al netto degli interessi pagati per il debito,  è sempre stata al di sotto di quella degli altri paese europei e della stessa media dell’Unione Europea. (altro…)

Annunci

LettaRoma, 29.04.2013 – Moody’s, nota agenzia di rating, ha  affermato qualche giorno fa  che «nonostante gli sforzi per la formazione di un nuovo governo, senza un consenso fermo e un chiaro mandato, le prospettive per ulteriori riforme economiche appaiono deboli». Il messaggio lanciato è chiaro e forte: i mercati finanziari (ossia i grandi gruppi economici e finanziari) sono preoccupati che il nuovo governo non abbia la forza per portare avanti i processi di liberalizzazione che loro si attendono. Tale giudizio suona anche come una minaccia per spingere il nuovo governo, che non sarà meno prono ai voleri dei poteri economici di quello guidato nei mesi scorsi da Mario Monti, a non essere troppo tenero nel colpire le classi meno abbienti. Quando ci libereremo da Lor Signori? (altro…)

inflazione 1Roma, 6 gen 2013 – I dati pubblicati dall’Istat sull’inflazione sono molto preoccupanti: il tasso d’inflazione medio annuo per il 2012 è del il 3% , superiore a quello già in crescita registrato nell’anno precedente, nel  2011, pari al 2,8%.

L’inflazione  registrata nel 2012  è  quella più alta dal 2008.   Va fatto notare, però, che i prezzi di alcuni beni di prima necessità di largo consumo  (beni alimentari, carburante, etc.) sono cresciuti più velocemente della media degli altri beni che fanno parte del paniere preso in esame dall’Istat per elaborare le sue stime.  I prezzi di questi beni sono, infatti, cresciuti del 4,3% rispetto al 3,5% registrato per il 2011. (altro…)

* Nota di Giovanni Barbera – martedì 24.07.2012

Ve le ricordate le promesse di Monti quando varò, alcuni mesi fa, vezzeggiato  e coccolato da  tutta la stampa di regime,  i decreti “Salva-Italia” e “Cresci-Italia”? Ve le ricordate le manifestazioni di gioia degli italiani che pensavano che essersi liberati dal Caimano significasse una nuova era di benessere economico e sociale? Illusioni che si spensero con i primi provvedimenti assunti dal governo Monti  in  linea con quelli del governo precedente, ma con la novità che questa volta il “massacro sociale” veniva sponsorizzato anche da una parte del centrosinistra, con il PD in testa. Mesi che sembrano anni e sacrifici di tanti che si sono vanificati velocemente (altro…)

(OMNIROMA) Roma, 18 AGO – «Concordo con il fatto che la data del 25 aprile debba essere festeggiata, al di là di quelle che saranno le decisioni assunte dal Parlamento sulle inopinate proposte presentate dal Governo Berlusconi. Non possono cancellare una data che ha un valore simbolico immenso per la storia del nostro Paese. In altri parti del mondo, annunciare simili provvedimenti non sarebbe stato neanche possibile, figuriamoci adottarli. (altro…)