Posts contrassegnato dai tag ‘reparto maxillo-facciale’

Soldi pubblici sprecati(AGENPARL) – Roma, 30 apr – “Dopo il commissariamento dell’Asl Rm E, i cittadini si aspettano un cambiamento radicale nella gestione dell’azienda che si è caratterizzata in questi anni per sprechi, inefficienze, denunce e polemiche. E’ necessario che la gestione commissariale metta mano fin da subito alle storture più volte denunciate anche sulla stampa. Abbiamo situazioni abnormi difficili da giustificare, come il reparto chirurgico maxillo-facciale, collocato all’interno della struttura privata convenzionata di Villa Betania, al centro delle polemiche a per la pesante denuncia di ricoveri “gonfiati”, riportata tempo fa da un articolo de Il Corriere della Sera.it’ o i due reparti di ortopedia, con relativi primari, sempre all’interno della stessa struttura privata convenzionata, che sottrarrebbero il personale medico al Santo Spirito, carente di ortopedici anche nel reparto di pronto soccorso. (altro…)

Annunci

Bondi e Monti(AIS) Roma, 27 dic 2012 – “Continuano a far discutere le scelte del commissario alla sanità Enrico Bondi. Si vorrebbero tagliare reparti che rappresentano, sulla base dei dati oggettivi, strutture di eccellenza della sanità pubblica regionale e non si interviene su situazioni segnalate come abnormi che coinvolgono, guarda caso, anche gli interessi di alcune strutture private convenzionate”. Lo afferma Giovanni Barbera, membro del comitato politico romano del Prc-Fds e presidente del Consiglio del Municipio Roma XVII.

“E’ proprio di pochi giorni fa – continua Barbera  – la riconferma da parte dell’Asl Rm E del suo reparto chirurgico maxillo-facciale, collocato all’interno della struttura privata convenzionata  di Villa Betania, al centro delle polemiche dieci giorni fa per la pesante denuncia di ricoveri “gonfiati”, riportata da un articolo de ‘Il Corriere della Sera.it’. L’articolo, riprendendo la testimonianza anonima di un lavoratore interno al reparto stesso, segnalava, infatti, il ricorso a ricoveri impropri per  giustificare l’anomala riapertura  di un (altro…)

Bondi, Commissario  Sanità della Regione Lazio(AGENPARL) – Roma, 05 dic – “Siamo alla follia. Quello che sta succedendo nel settore della sanità non ha più nessuna logica se non quella della tutela degli interessi di pochi a discapito dell’interesse pubblico e del diritto alla salute dei cittadini . Si minaccia la chiusura di ospedali pubblici come l’Oftalmico e il San Filippo Neri, strutture storiche della città di Roma, ma si mantengono aperti alcuni reparti “finti” del polo ospedaliero dell’Asl Rme E, come quello maxillo-facciale. Tale reparto, collocato in una struttura privata convenzionata, come quella di Villa Betania, con costi esorbitanti per le casse pubbliche, è stato riaperto poche settimane fa senza avere neanche l’organico e le attrezzature necessarie richieste per un reparto simile. Una riapertura molto anomala e contestata, visto che a Roma esistono strutture simili, molto meglio organizzate e attrezzate e visto che per tale motivo, due anni fa, era stato deciso di utilizzare le risorse umane e finanziarie di tale reparto per altri servizi sanitari. C’è chi, all’interno della stessa azienda sanitaria, denuncia che nel (altro…)

Bondi, Commissario  Sanità della Regione Lazio(AGENPARL) – Roma, 05 dic – “Siamo alla follia. Quello che sta succedendo nel settore della sanità non ha più nessuna logica se non quella della tutela degli interessi di pochi a discapito dell’interesse pubblico e del diritto alla salute dei cittadini . Si minaccia la chiusura di ospedali pubblici come l’Oftalmico e il San Filippo Neri, strutture storiche della città di Roma, ma si mantengono aperti alcuni reparti “finti” del polo ospedaliero dell’Asl Rme E, come quello maxillo-facciale. Tale reparto, collocato in una struttura privata convenzionata, come quella di Villa Betania, con costi esorbitanti per le casse pubbliche, è stato riaperto poche settimane fa senza avere neanche l’organico e le attrezzature necessarie richieste per un reparto simile. Una riapertura molto anomala e contestata, visto che a Roma esistono strutture simili, molto meglio organizzate e attrezzate e visto che per tale motivo, due anni fa, era stato deciso di utilizzare le risorse umane e finanziarie di tale reparto per altri servizi sanitari. C’è chi, all’interno della stessa azienda sanitaria, denuncia che nel (altro…)

Bondi, Commissario  Sanità della Regione Lazio(AGENPARL) – Roma, 05 dic – “Siamo alla follia. Quello che sta succedendo nel settore della sanità non ha più nessuna logica se non quella della tutela degli interessi di pochi a discapito dell’interesse pubblico e del diritto alla salute dei cittadini . Si minaccia la chiusura di ospedali pubblici come l’Oftalmico e il San Filippo Neri, strutture storiche della città di Roma, ma si mantengono aperti alcuni reparti “finti” del polo ospedaliero dell’Asl Rme E, come quello maxillo-facciale. Tale reparto, collocato in una struttura privata convenzionata, come quella di Villa Betania, con costi esorbitanti per le casse pubbliche, è stato riaperto poche settimane fa senza avere neanche l’organico e le attrezzature necessarie richieste per un reparto simile. Una riapertura molto anomala e contestata, visto che a Roma esistono strutture simili, molto meglio organizzate e attrezzate e visto che per tale motivo, due anni fa, era stato deciso di utilizzare le risorse umane e finanziarie di tale reparto per altri servizi sanitari. C’è chi, all’interno della stessa azienda sanitaria, denuncia che nel (altro…)

Bondi, Commissario  Sanità della Regione Lazio(AGENPARL) – Roma, 05 dic – “Siamo alla follia. Quello che sta succedendo nel settore della sanità non ha più nessuna logica se non quella della tutela degli interessi di pochi a discapito dell’interesse pubblico e del diritto alla salute dei cittadini . Si minaccia la chiusura di ospedali pubblici come l’Oftalmico e il San Filippo Neri, strutture storiche della città di Roma, ma si mantengono aperti alcuni reparti “finti” del polo ospedaliero dell’Asl Rme E, come quello maxillo-facciale. Tale reparto, collocato in una struttura privata convenzionata, come quella di Villa Betania, con costi esorbitanti per le casse pubbliche, è stato riaperto poche settimane fa senza avere neanche l’organico e le attrezzature necessarie richieste per un reparto simile. Una riapertura molto anomala e contestata, visto che a Roma esistono strutture simili, molto meglio organizzate e attrezzate e visto che per tale motivo, due anni fa, era stato deciso di utilizzare le risorse umane e finanziarie di tale reparto per altri servizi sanitari. C’è chi, all’interno della stessa azienda sanitaria, denuncia che nel (altro…)

sanità(AGENPARL) – Roma, 30 nov – “Non passa giorno che non ci arrivino denunce su sprechi e inefficienze nell’Asl RmE. Si chiudono i servizi sanitari sul territorio, danneggiando gli utenti, soprattutto quelli più deboli, ma si continuerebbe a spendere fiumi di denaro pubblico in maniera molto discutibile. E’ questo il dramma della nostra sanità pubblica. L’ultima nostra scoperta è quella della riapertura, poche settimane fa, di un reparto nell’Asl Rm E, quello maxillo-facciale, che era già stato chiuso due anni fa, vista la scarsa utilità nell’Asl RmE e la coesistenza con altre realtà più efficienti e meglio organizzate nella città. Oggi, con una decisione molto discutibile, si “risuscita” tale reparto che, assunti 2 medici dirigenti con contratto annuale a costi non certo indifferenti, opererebbe senza avere neanche il personale medico e paramedico richiesto e le attrezzature necessarie per una struttura simile”. Lo dichiara Giovanni Barbera, membro (altro…)